Blog: http://Scacchi.ilcannocchiale.it

Eros Riccio Superstar (di Roberto Corso)

(articolo di Roberto Corso del 10/09/2002 - dal sito scacchisti
indipendenti)
 
Come si sa: un torneo tira l'altro. Per questo motivo, non appena tornati da
Olomouc abbiamo cominciato a guardarci intorno per individuare il Festival
da giocare. La scelta è caduta su Imperia per vari motivi primo tra i quali
il fatto che Eros aveva già prenotato ed era l'occasione per giocare un
torneo insieme ad un amico che in questo periodo non gioca molto (non siamo
infatti nemmeno riusciti a farlo venire in Repubblica Ceca nonostante
preghiere telefoniche quotidiane) ma che quando gioca raccoglie sempre
notevoli successi dimostrando la sua classe e la meritata condizione di
miglior giocatore non solo della nostra Associazione ma anche e soprattutto
della nostra Provincia. Ed infatti Eros non ha deluso le aspettative
portando a casa il miglior risultato Lucchese al Festival di Imperia: Primo
dei Candidati Maestri. Il gioco di Eros è molto maturato in questi ultimi
due anni e gli consente di giocare per vincere contro chiunque come hanno
dimostrato le brillanti prestazioni di questo Festival in cui, tra l'altro,
ha realizzato un'altra norma di Maestro, benchè purtroppo questa categoria,
per lui meritata (aveva già ottenuto due norme qualche anno fa), andrà a
sparire nel 2003 o almeno così per ora sembra.

Ad Imperia c'eravamo anche Pier Paolo Frugoli ed io che però proprio non
abbiamo brillato. Io purtroppo stavo viaggiando in un momento negativo,
cominciato qualche mese prima di Olomouc, che mi ha fatto sciupare molte
posizioni vinte e perdere malamente contro avversari più che gestibili. Pier
Paolo di contro se ad Imperia ha perso contro avversari decisamente
inferiori regalando punti importanti ha dimostrato in questi ultimi mesi,
con la conquista della Seconda Categoria Nazionale di essere uno dei più
talentuosi giocatori del nostro Circolo. Vale molto di più infatti di questa
categoria e lo dimostra costantemente nei tornei interni in cui nè Eros nè
io riusciamo a strappargli più della patta. La costanza da lui dimostrata in
quest'ultimo periodo lo ha portato a conquistare inoltre un posto da
titolare nella nostra prima formazione schierata nel Campionato Italiano a
Squadre 2003.

Si è sentita la mancanza del geniale Francesco Frugoli da poco promosso
Candidato Maestro, che ci è venuto a trovare in quel di Imperia per gli
ultimi due turni di gioco. Francesco è sicuramente un altro pilastro degli
Scacchisti Indipendenti ed impersona decisamente meglio di qualunque altro
quell'estro creativo che ci caratterizza, soprattutto per la conoscenza
enciclopedica di quasi tutte le aperture (cosa che accentua la sua
poliedricità): quando avrà finalmente costruito un repertorio stabile lo
attenderanno dei successi che per comprensione del gioco sarebbero alla sua
portata anche adesso se solo riuscisse ad evitare di giocare una variante
diversa per ogni partita.

Comunque l'esperienza Imperiese ha portato a ciascuno qualcosa: Pier Paolo è
tornato a camminare coi piedi per terra dopo le astrazioni Cecoslovacche, io
mi sono rimesso in discussione ancora una volta ed Eros ha ricevuto un
meritato premio per la sua dedizione e lealtà non che per l'onestà delle sue
intenzioni e comportamenti che spesso lo portano ad esporsi a giudizi
ingiusti. Rimane solo, alla fine, come lato negativo, l'amarezza che tutti
noi abbiamo provato nel dover osservare ancora una volta "l'invidia che
crede di poter bastare a se stessa" e che continuando a rimirarsi nel suo
specchio di stupidità e ignoranza (reso forse più grande, ma non certo più
veritiero, dall'omologazione delle menti deboli che gli sono sottomesse),
non riuscendo a dimostrare coi fatti il proprio valore, non può far altro
che scagliarsi contro chi, puro nel cuore, nella mente e nell'anima, ha solo
commesso l'errore di essere la prova vivente del fallimento di colui che
quell'invidia rappresenta.

Come avrebbe certamente detto il Venerabile Mullah Nassr Eddin: "Niente di
più stupido di un uomo che si crede intelligente".

Pubblicato il 27/6/2006 alle 13.55 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web